Come dire addio alle coliche del tuo bimbo

venerdì 31 ottobre 2014

Mio padre e mia madre non giocano mai


Oggi mi piace condividere con voi un piccolo passo, estratto da un famoso testo di Isabelle Filliozat, psicoterapeuta di fama internazionale, che parla del gioco e del sorriso:

"Smettetela di gridare! State zitti! Fate meno rumore!"
Quante volte abbiamo frenato la scoppiettante allegria dei nostri bambini!

Quando i bambini saranno cresciuti, i genitori rimpiangeranno l'epoca in cui risuonavano grida gioiose, corse sfrenate per le scale e urla di giubilo.
Un bambino ha bisogno di sentirsi gioioso per sentirsi libero di esistere e di crescere. 
Come può avere voglia di crescere in un mondo triste? 
Come può avere voglia di divenire un adulto serioso che non sa neppure più giocare e ridere?
Invitata a casa di amici, accompagno Adriene e Margot nella camera dei bambini ed eccomi sulla moquette a fare vroom vroom con un aereo. Ci sono giocattoli splendidi, auto trasformabili, Batman ed altri mostri dello spazio che non conosco. Maneggio ogni giocattolo divertendomi veramente. 
Un bambino di 6 anni mi osserva, stupito.
Fa molta fatica a smettere di darmi del lei e a chiamarmi per nome. Dopo un po' sbotta: "Giochi? Ma lei è un'adulta! Gli adulti non giocano!". " Ebbene sì, ci sono anche adulti che giocano e a me piace molto giocare".
"Mio padre e mia madre non giocano mai."
Che peccato. Giocare significa penetrare nel mondo dei bambini.
Alcuni dicono che non hanno più l'età giusta, ma se non giocano è solo per proteggersi dal loro disagio.
Se giocassero, se osassero entrare nel mondo immaginario dei bambini, sedersi per terra e fare rumore con loro... rischierebbero di ritornare al dolore della loro infanzia. 
Non hanno mai giocato con i loro genitori, forse non hanno neppure mai avuto il diritto di giocare, ridere, correre gridando e fare rumore. 
Dobbiamo guarire la nostra infanzia ferita, per riprenderci la libertà di ridere, di giocare.
Ridere non è solo un piacere, è un riflesso della salute fisica e psichica. Le risate sono un ottimo esercizio di rilassamento perché allentano le tensioni del diaframma...
Il bambino ride della condivisione, dell'incontro con l'altro. Ecco perché gli piacciono tanto i giochi basati sull'apparire e lo scomparire..."

Dobbiamo imparare a ridere un po' di più, arrabbiarci un po' di meno e a condividere con i nostri figli la loro infanzia, dando a noi adulti l'opportunità di recuperare gli anni passati e ritornare tutti un po' bambini.

Angela Del casale

2 commenti:

  1. Giocare con i bambini e' una cosa meravigliosa!!! Gli adulti dovrebbero vivere il momento di gioco come un momento di " pausa" dalla vita adulta! Provate sarà bellissimo sia per voi sia per i vostri bambin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per averci arricchiti del tuo pensiero. Angela

      Elimina